Crea sito

Conferenza EA: il nostro giudizio

Con 10 minuti di ritardo dalle 22.00, prima di poter finalmente veder iniziare la conference di Electronic Arts, stavo già pregustando l’idea di ammirare una delle conferenze più interessanti di tutta l’E3. Rumors di tutti i generi erano usciti nei giorni precedenti, ed inoltre si conoscevano già in buona parte i gioconi che EA avrebbe dovuto mostrare.
Invece EA è rimasta completamente nell’ombra, quasi impaurita dall’idea di mostrare qualcosa in più, oltre al classico trailer pompato. Di trailer infatti ne abbiamo visti parecchi, da Titanfall 2 a Mass Effect Andromeda, fino a Battlefield 1, ma niente gameplay. Il gameplay è stato completamente assente, ed è questo che a parer mio, ma non solo, ha reso la conference EA una delle più brutte degli ultimi tempi.
Tuttavia la conference non parte malissimo, poiché Titanfall 2 riesce a fare il botto grazie ad alcuni spunti interessanti: prima di tutto rivelandoci la data d’uscita del titolo, ovvero il 28 ottobre, inserendo il single-player e poi facendoci notare nel trailer una libertà di movimento migliorata, una personalizzazione completa dei titani, nuovi titani aggiuntivi e una varietà di mappe ed aree che rendono il titolo molto interessante. Ma neanche il tempo di pensare alla possibilità di vedere un po’ di azione in-game, che si passa a Madden 17, titolo importante, ma in parte per EA e per i fan risulta essere normale amministrazione, visto che il titolo rugbystico esce puntualmente ogni anno.
Da Madden 17, per rimanere sempre in ambito sportivo, fino a Fifa 17, che quest’anno presenta anche  una modalità storia chiamata The Journey, che potrà essere accattivante, se fatta bene. Infatti nei panni di un determinato giocatore, dovremo affrontare la sua ascesa verso la conquista della Premier League. Altra novità, che viene enfatizzata con l’apparizione sul palco di Josè Mourinho, sarà la presenza in Fifa 17 dei volti reali degli allenatori, tra i quali, presumo, non siano previsti quelli italiani, o almeno non tutti.
Tra i due titoli si inserisce quel Mass Effect Andromeda, del quale avremmo voluto sentir parlare per tutta la sera, ma EA ci mostra solo un breve trailer, con tratti brevissimi di gameplay. Il titolo ha un potenziale enorme, ed infatti ci siamo perfino chiesti se le console attuali possano reggere un titolo tale. Mass Effect Andromeda, per quel poco che si è visto,  risulta essere un titolo enorme, con pianeti immensi da girare e da scoprire, con una vastità di veicoli non indifferente, e anche lo shooting non sembrava affatto male. Ma si sa, i trailer sono trailer, e quindi senza gameplay il titolo lascia comunque gli stessi interrogativi che avevamo prima dell’inizio della conferenza.
L’unico titolo che porta aria di nuova IP è Fe, che arriva direttamente dai ColdWood Interactive, sviluppatori di quel buon Unravel che ha fatto ben parlare di sé. Fe è un Platform 3D, ambientato in un luogo magico, e il protagonista che andremo ad impersonare sarà simile, per certi versi, al buon vecchio Spyro. Il titolo ci ha lasciato buone sensazioni, ma anche qui il gameplay è stato praticamente assente, inutile quindi tentare un giudizio a priori.
Successivamente si passa a Star Wars, ma non Battlefront, del quale è previsto un nuovo capitolo in uscita nel 2017, ma sostanzialmente EA spiega che insieme a Respawn Entertainment, stanno lavorando ad un titolo basato sulla saga di Star Wars, che riprenderà anche parti dell’ultimo film e sarà un action-adventure in terza persona. Ma del gioco neanche l’ombra, gli sviluppatori ci raccontano l’amore per la famosissima saga, ma niente di più. Il sonno inizia a prendere il sopravvento.
EA conclude con Battlefield 1. Gameplay? Assolutamente no! Un ennesimo trailer, con grafica apparentemente bella, modalità di gioco che esaltano, ma niente gameplay. Questa parola risuonerà nelle orecche di Electronic Arts per un bel po’ di tempo. La conference si conclude, lasciando praticamente il vuoto. Sappiamo quali sono i titoli, ma non conosciamo tutte le date d’uscita e non sappiamo come sarà il gameplay, praticamente è come aver visto un film già visto e rivisto. La prima conference è andata, speriamo solo che Bethesda possa risollevarci un po’ il morale.

Se vi siete persi la diretta commentata da noi eccola 

 

 

Lascia un commento

Close Menu